WannaCry: come difendersi dall’attacco del nuovo ransomware

Home / Sicurezza informatica / WannaCry: come difendersi dall’attacco del nuovo ransomware

Con oltre 75 mila casi in oltre 90 Paesi del Mondo, l’attacco ransomware messo a segno col malware denominato WCry/WannaCry è stato già definito uno dei più gravi mai compiuti, finalizzato a prendere di mira tutti quegli utenti e quelle organizzazioni che hanno preso sotto gamba la sicurezza dei propri dispositivi e ignorato gli aggiornamenti obbligatori rilasciati da Microsoft.

Il malware infetta i computer e cifra con una password tutti i dati contenuti. A quel punto alle vittime non resta che pagare il riscatto e ottenere così la password per sbloccare i dati e riprendere possesso del proprio computer, anche se non ci sono certezze che gli autori dell’attacco mantengano le promesse e non pretendano ulteriori somme. Per questo è in generale sempre sconsigliabile il pagamento del riscatto, in quanto incentiva i malintenzionati a nuove azioni simili.

COME PROTEGGERSI

  • MANTIENI AGGIORNATO IL SISTEMA OPERATIVO DEL COMPUTER

    Se state utilizzando una versione di Windows (Vista SP2, Server 2008 SP2, Windows 7, Windows 8.1, Windows RT 8.1, Windows Server 2012, Windows 10 e Windows Server 2016) e temete di non essere al sicuro, tutto quello che potete fare è eseguire tutti gli aggiornamenti proposti da Microsoft, aggiornare anche il vostro antivirus e fare un nuovo backup su un dispositivo non collegato a Internet.
    Se, invece, state ancora utilizzando Windows XP, correte a procurarvi una versione più recente di Windows. Microsoft ha interrotto ufficialmente il supporto a Windows XP nell’aprile 2014 e da quella data ha smesso di rilasciare aggiornamenti per quella versione.
    Tutti gli altri sistemi operativi, da Linux a Mac OS X, passando per iOS, Android e Windows Phone, non sono vulnerabili a questo attacco.

  • ESEGUI PERIODICAMENTE UN BACKUP DEI TUOI DATI

    Una maniera per proteggersi è quella di utilizzare un backup fatto in precedenza su un dispositivo non connesso in rete – in caso contrario il rischio che anche quel backup risulti infetto è molto alto – ed eseguire il ripristino, correndo poi subito dopo ad aggiornare il sistema operativo all’ultima versione disponibile ed eseguire tutti gli aggiornamenti relativi alla sicurezza.

  • PENSACI DUE VOLTE PRIMA DI FARE CLICK SU QUALCOSA

    Durante la navigazione sul Web, potresti giungere su siti che mostrano finestre popup, facendoti credere che il tuo computer è stato infettato e chiedendoti di scaricare dei software per proteggerti. Non cadere in questa trappola. Chiudi la finestra popup e assicurati di non fare clic al suo interno.

Comments(0)

Leave a Comment